If I can dream – Virus, paure e decadimento dell’uomo nel 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

Siamo persi in una nuvola con troppa pioggia
Siamo intrappolati in un mondo
Turbato dal dolore
Ma finché un uomo
Ha la forza di sognare
Può liberare la sua anima e volare

Una delle canzoni più belle e, purtroppo, poco note ai più di Elvis recita queste parole.
La canzone è del 1968 e fu scritta sulla base di alcuni pensieri di Elvis relativi all’assassinio di Marter Luther King che avvenne quello stesso anno a Memphis.
Elvis fu turbato da quanto accadde e quella che incise fu una canzone ricca  di emozioni, cantata con voce rauca, intensa, unica in cui trapela un inno alla pace diverso dal più famoso”Imagine” di Lennon ma forse ancora più sincero in cui Elvis sembra gridare al mondo il suo sogno di pace per tutti.

 

In questi giorni di Febbraio 2020, seguendo tutti i vari accadimenti relativi al Coronavirus COVID-19 che stanno avvenendo in tutto il mondo non posso fare a meno di pensare che la cosa che mi fa più paura e rattrista di più  è che,  in un momento come questo, al di là di quello che è il nostro pensiero in merito a ciò che sta succedendo, è il vedere la gente attaccarsi a vicenda mentre dovremmo solo essere più uniti per affrontare al meglio questo problema.
Chi da la colpa al governo, chi alla sanità, chi a coloro che, costretti o no, con incoscienza o meno si sono dovuti spostare da una parte all’altra della nazione.. chi crea allarmismo per fare notizia, chi dice che la situazione è più grave di quello che sembra, chi dice che non lo è… siamo uno contro l’altro, tutti detentori di verità assoluta  e pronti a scagliarci contro chi non la pensi come noi… e quella del Virus che ha scosso tutta quella parte del piccolo mondo “che sta bene” è solo una piccola parte di quello che accade tutti i giorni nel mondo, tra guerre, povertà, malattie e gente vittima di ogni male… questa la cosa che più mi rattrista, il pensare che credendo di esserci evoluti col tempo, forse stiamo perdendo quella che è la nostra vera essenza e il nostro ruolo nel mondo.
Cosa è cambiato in tutti questi anni? Siamo progrediti tecnologicamente ma ci stiamo alienando sempre di più? I valori umani si stanno perdendo sempre di più senza speranza? o possiamo ancora sperare “in un mondo migliore?”

È pensando a tutto ciò che  mi è tornata a mente questa canzone…perché a volte siamo tutti un po’ “persi in questa nuvola con troppa pioggia”.

 

SE POSSO SOGNARE

Ci devono essere luci che ardono splendendo di più da qualche parte
Ci devono essere uccelli che volano più in alto in un cielo più blu
Se io posso sognare una terra migliore
Dove tutti i miei fratelli camminano mano nella mano
Dimmi perché, perché, perché il mio sogno non può diventare realtà
Oh perché?

Ci deve essere pace e comprensione a volte
Forti ali di speranza che soffino via il dubbio e la paura
Se io posso sognare un sole più caldo
Dove la speranza continua a risplendere su tutti
Dimmi perché, perché, perché il sole non apparirà?

Siamo persi in una nuvola con troppa pioggia
Siamo intrappolati in un mondo
Turbato dal dolore
Ma finché un uomo
Ha la forza di sognare
Può liberare la sua anima e volare

Nel profondo dal mio cuore c’é una domanda che freme
Sono ancora sicuro che la risposta, la risposta arriverà in qualche modo
Là fuori nel buio, c’é una candela che ci chiama
E finchè posso pensare, finchè posso parlare
Finché posso stare in piedi, finchè posso camminare
Finché posso sognare, ti prego lascia che il mio sogno
Diventi realtà
Proprio adesso
Lascia che diventi realtà proprio adesso…

 

Condividi questo articolo: