Libero Arbitrio

LIBERO ARBITRIO A volte, quando ci ritroviamo travolti da tutti gli orrori che vediamo nel mondo come le  guerre, la fame, i ripetuti omicidi ecc.., ci chiediamo ma dove è Dio? Perché permette tutto questo? Perché permette che una parte dell’umanità, priva di colpa,  debba ogni giorno morire di fame? Perché permette ad un folle di entrare in un luogo pubblico e fare una strage di innocenti? Ecc.. ecc.. ecc.. Ora, immaginiamo un padre con tre figli, ed una casa piena di ogni bene; il padre, che ama in egual misura i suoi tre figli, li lascia crescere in piena libertà all’interno di questa casa, insegna loro che per il loro stesso bene devono aiutarsi e rispettarsi a vicenda e dividere ogni cosa in maniera equa. Passano gli anni ma accade che il più astuto dei fratelli invece di mettere la sua scaltrezza al servizio degli altri due, la usa per sottometterli pian piano ai suoi servizi, creando una disparità. Ora la colpa è del padre o dei figli? Questo banalissimo e molto elementare esempio può servirci per entrare nell’ottica del Libero Arbitrio. Che crediate nella storia di Adamo ed Eva, che crediate nella discendenza dell’uomo dalla scimmia, o addirittura, crediate che l’uomo discenda dagli alieni, poco  importa, fatto sta che quando l’uomo ha messo piede, in un modo o nell’altro, su questa terra, ha trovato ogni cosa a sua disposizione e, procreandosi, ha generato la razza umana, essa stessa  responsabile delle disparità sociali che si sono create nel corso della storia. Noi siamo i responsabili, non Dio o una entità superiore ed a noi esterna. Quello del Libero arbitrio è un concetto che spaventa molti in quanto è sinonimo anche di responsabilità, e le responsabilità non fanno sempre comodo. Dobbiamo capire che, se vogliamo un mondo migliore, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità, e anche se so benissimo che non è facile, dobbiamo partire da noi stessi, migliorandoci come persone. Se questo mio libro che stai leggendo ti piace, prova a leggere il mio racconto Ilyeo storia di un ragazzo di strada
 
Condividi questo articolo: